MENÙ

The Eyrie Vineyards
Stati Uniti – 
Oregon – 
McMinnville / Willamette Valley – 
McMinnville / Willamette Valley – 

L’AZIENDA

Era l’inizio del 1965 quando David Lett, appena venticinquenne, si trasferì in Oregon con 3.000 barbatelle: era determinato a dimostrare che il Pinot Noir poteva essere coltivato con successo al di fuori della Borgogna. Nasce così la prima vigna di Pinot Nero in Oregon e la prima di Pinot Grigio in America! Nel 1966, insieme alla moglie Diana, acquista sulle Dundee Hills, a 50 km da Portland un terreno argilloso e carico di ferro che si sovrappone ad uno strato profondo di ciottoli di basalto arrotondati ed erosi. Questa combinazione conferisce ai terreni di The Eyrie proprietà speciali: la struttura infatti permette alle costanti piogge invernali della valle di drenare facilmente ma nelle estati molto secche dell’Oregon, i ciottoli sotterranei trattengono nelle loro fessure e crepe una quantità d’acqua sufficiente a sostenere le viti senza bisogno di irrigazione. Nel 1970 David e Diana imbottigliano il loro primo vino. È però nel 1975 che Eyrie Vineyards sale agli onori della cronaca, quando partecipa a due importanti concorsi in Francia facendo conoscere l’Oregon vinicolo al mondo. Dal 2005 è Jason Lett che gestisce l’azienda combinando lo spirito dell’innovazione con il rispetto della tradizione. Agricoltura e vini certificati in biologico, 4 diversi vigneti Sisters, The Eyrie, Outcrop, Roland Green, consacrano Eyrie come uno dei maggiori intrepreti del vino in Oregon e negli Stati Uniti.

Stati Uniti - 

Oregon

Willamette Valley

La scoperta (o l’invenzione) della Willamette Valley come moderna regione vinicola risale alla fine degli anni Settanta a Dundee, vicino a Lafayette, nella contea di Yamhill, a opera di David Lett e dei suoi Eyrie Vineyards. Se Lett avesse piantato chardonnay e cabernet, la fama sarebbe stata lenta a venire. Egli si rivolse invece al pinot nero e, infatti, dal 1970 Oregon e pinot nero sono indissolubilmente legati. Quasi la metà dei vigneti della Willamette Valley sono riservati a quest’uva capricciosa. La seconda uva più diffusa nell’Oregon, lo chardonnay, viene oggi rapidamente soppiantata dall’uva bianca più simile al pinot nero, il pinot grigio, e si registra anche un interesse crescente per il pinot bianco. Allo stesso tempo, riesling e gewurztraminer vengono espiantati in risposta al disinteresse del mercato, un vero peccato visto che soprattutto a nord della valle queste varietà sono molto più indicate dei pallidi parenti del pinot nero.

Stati Uniti - 

Oregon

Willamette Valley

La scoperta (o l’invenzione) della Willamette Valley come moderna regione vinicola risale alla fine degli anni Settanta a Dundee, vicino a Lafayette, nella contea di Yamhill, a opera di David Lett e dei suoi Eyrie Vineyards. Se Lett avesse piantato chardonnay e cabernet, la fama sarebbe stata lenta a venire. Egli si rivolse invece al pinot nero e, infatti, dal 1970 Oregon e pinot nero sono indissolubilmente legati. Quasi la metà dei vigneti della Willamette Valley sono riservati a quest’uva capricciosa. La seconda uva più diffusa nell’Oregon, lo chardonnay, viene oggi rapidamente soppiantata dall’uva bianca più simile al pinot nero, il pinot grigio, e si registra anche un interesse crescente per il pinot bianco. Allo stesso tempo, riesling e gewurztraminer vengono espiantati in risposta al disinteresse del mercato, un vero peccato visto che soprattutto a nord della valle queste varietà sono molto più indicate dei pallidi parenti del pinot nero.