MENÙ

Hubert Lamy

Francia - 

Borgogna Côte d’Or - 

Saint-Aubin 

Saint-Aubin Premier Cru Les Murgers de Dents de Chiens

100% Chardonnay

Zona di produzione: Saint-Aubin

Terreno: appena sopra le Montrachet e ad est di Champ Gain, altitudine più elevata, esposto a est, terreno poco profondo su roccia calcarea

Vendemmia: manuale

Vinificazione: pressatura soffice, leggera decantazione, lunga fermentazione

Affinamento: invecchiato per 12 mesi in botti di rovere da 300L e 600L (5% nuove), seguito da 6-12 mesi di assemblaggio in vasca

Colore: giallo paglierino

Profumo: .

Sapore: .

Grado Alcolico: 13% vol

CATALOGO Hubert Lamy

Bourgogne Blanc Les Chataigners

Hubert Lamy
Scopri

Saint-Aubin La Princée

Hubert Lamy
Scopri

Saint-Aubin Premier Cru Clos de Meix

Hubert Lamy
Scopri

Saint-Aubin Premier Cru Derrière Chez Edouard

Hubert Lamy
Scopri

Saint-Aubin Premier Cru En Remilly

Hubert Lamy
Scopri

Saint-Aubin Premier Cru Les Murgers de Dents de Chiens

Hubert Lamy
Scopri

Puligny-Montrachet Les Tremblots

Hubert Lamy
Scopri

Criots-Bâtard-Montrachet Haute Densité Grand Cru

Hubert Lamy
Scopri

Chassagne-Montrachet Le Concis du Champ Blanc

Hubert Lamy
Scopri

Chassagne-Montrachet Les Chaumées

Hubert Lamy
Scopri

Chassagne-Montrachet La Gujonne Vieilles Vignes

Hubert Lamy
Scopri

Santenay Clos des Hâtes

Hubert Lamy
Scopri

L’AZIENDA

Discendente da una famiglia che fin dal 1640 ha coltivato la vite, Hubert Lamy dopo aver lavorato per qualche anno con il padre nel 1973 decide di dar vita ad un suo Domaine, all’epoca costituito da 8 ettari perlopiù di Aoc Régionales. È solo con gli anni ̕90 che il Domaine si sviluppa prima con nuovi impianti su aree vergini e poi con il cambio da pinot nero a chardonnay su molte vigne, visti i suoli essenzialmente calcarei dove erano inizialmente piantate. La proprietà conta oggi 18,5 ettari divisi su 20 parcelle, all’85% coltivate a chardonnay ed il restante a Pinot Nero. Nel 1995 Olivier Lamy raggiunge il padre, dopo aver terminato gli studi in enologia e dopo alcune esperienze all’estero, apportando nuove idee sia in vigna che in cantina (rinnovata ed ampliata nel 2003) e contribuendo in modo decisivo alla crescita ed allo sviluppo del Domaine. Nessun uso di prodotti di sintesi da oltre vent’anni, utilizzo di compost biologico, e grande lavoro in vigna con suoli argillo-calcarei, poco profondi con molto sasso, fanno di Olivier Lamy uno dei migliori interpreti del terroir di Saint-Aubin.