MENÙ

Serafini & Vidotto

Italia - 

Veneto - 

Nervesa della Battaglia 

(TV)

Incrocio Manzoni 6.0.13 Montello Asolo

100% Incrocio Manzoni 6.0.13

Zona di produzione: Montello

Terreno: argilloso e calcareo

Vendemmia: manuale

Vinificazione: in acciaio

Affinamento: in acciaio inox per almeno 6 mesi su fecce fini

Colore: giallo paglierino luminoso

Profumo: sentori che ricordano la frutta esotica, agrumi, mela gialla e pesca bianca, in sottofondo sfumature floreali, vegetali e minerali

Sapore: immediata freschezza con una piacevole chiusura minerale

Grado Alcolico: 12% vol

CATALOGO Serafini & Vidotto

Asolo Prosecco Superiore DOCG Brut

Serafini & Vidotto
Scopri

Marquise Metodo Classico Blanc de Noirs

Serafini & Vidotto
Scopri

Phigaia Bianco IGT delle Venezie

Serafini & Vidotto
Scopri

Incrocio Manzoni 6.0.13 Montello Asolo

Serafini & Vidotto
Scopri

Recantina Montello Asolo

Serafini & Vidotto
Scopri

Phigaia Montello Asolo

Serafini & Vidotto
Scopri

PHI 20 Montello-Colli Asolani

Serafini & Vidotto
Scopri

Pinot Nero Veneto IGT

Serafini & Vidotto
Scopri

Roccolo Pinot Nero Colli Trevigiani IGT

Serafini & Vidotto
Scopri

Rosso dell’Abazia Montello Asolo

Serafini & Vidotto
Scopri

L’AZIENDA

A Nervesa della Battaglia, vicino i resti dell’Abazia dove, tra il 1551 e il 1555, Monsignor della Casa scrisse il Galateo, nei territori della Serenissima da sempre votati alla produzione di vini rossi nasce nell’86 la Serafini&Vidotto. L’azienda lavora per preservare il suolo e la sua vitalità mantenendo la dotazione di sostanza organica: tutte le vigne sono condotte con metodo biologico e solo in caso di necessità vengono usati, al minimo, del rame e dello zolfo. La vite coltivata non viene sfruttata ma al contrario è curata affinché esprima al meglio le sue potenzialità e la qualità che i suoi frutti, diventati vino, si troveranno nel bicchiere. Da questo grande lavoro in vigna e poi in cantina nascono i vini di territorio come il Manzoni e la Recantina passando per il Pinot Nero, che nella versione Roccolo è interpretato magistralmente fino al Rosso dell’Abazia archetipo del taglio bordolese in Italia. Antonello e Frabcesco, coadiuvato dal primogenito Matteo, rappresentano oggi l’eccellenza vitivinicola ed ecologica trevigiana.